• Home
  • Gioco d'azzardo patologico

Gioco d'azzardo patologico

  • Dr. Michele Canil
  • Gioco d'azzardo patologico

Dr. Michele Canil
Psicologo, Psicoterapeuta
Neuropsicologo, Ipnosi clinica, teapeuta EMDR di 1° e 2° livello
Perfezionato in Psicofisiologia clinica, Genetica, Nutrizione.

Opera nelle città di Vittorio Veneto, Conegliano, Treviso.
Il dott. Canil si occupa da molti anni di diagnosi e cura della depressione a Treviso, Conegliano e Vittorio veneto. Oltre a ciò tratta molti disturbi psicosomatici, si occupa di cura dell’ansia e di attacchi di panico e molti altri tipi di disturbi. Opera in strutture ospedaliere ed in studio privato di Psicologia, Psicoterapia e Neuropsicologia.

psicologo treviso

Gioco d'azzardo patologico - Come riconoscerlo

Il dott. Michele Canil, Psicologo Treviso, affronta il tema della dipendenza da gioco d'azzardo patologico, uno dei disturbi al giorno d'oggi maggiormente diffusi. Lo psicoterapeuta afferma che si tratta di una forma di dipendenza, spesso caratterizzata da astinenza e ricadute, che comporta disagio e sofferenza in quanto va ad intaccare le relazioni familiari e sociali. Il giocatore d'azzardo, incapace di resistere all'impulso di giocare in denaro, spesso mente alla famiglia ed agli amici pur di occultare questo forte ed eccessivo bisogno. In Italia la legislazione ha “liberalizzato con controllo” il gioco d'azzardo con un conseguente aumento dei giocatori che, secondo le statistiche, spendono di media oltre 400 euro al mese.

I più colpiti da questa forma di dipendenza sono gli uomini che si interessando a questa attività fin dall'adolescenza: i più giovani si dedicano al gioco d'azzardo online, alle scommesse sportive o ai gratta e vinci, mentre i più anziani prediligono slot-machine e lotterie.

Una persona colpita da questo tipo di dipendenza patologica può essere riconosciuta attraverso le seguenti caratteristiche:

  • è ossessionato oltre misura dal gioco d'azzardo
  • è irritabile specie quando tenta di non giocare
  • dopo una perdita ritenta più e più volte la vincita
  • mente a familiari ed amici circa la sua condizione
  • presenta sintomi d'ansia piuttosto evidenti
  • mette il gioco d'azzardo al primo posto rispetto a lavoro e famiglia, mettendo in pericolo le proprie relazioni sociali
  • si rivolge ad altri per ottenere denaro

Gioco d'azzardo patologico - Cause e conseguenze

Il dott. Canil spiega come stati di ansia, depressione e sensi di colpa possano condurre l'individuo a rifugiarsi nel gioco che, oltre ad estraniare dalla realtà, offre la possibilità di vincere del denaro il quale contribuisce a ridurre un sentimento di ansia.

Un'altra causa è la familiarità con il gioco d'azzardo: se cioè in famiglia vi sono componenti affetti da questa patologia, è possibile che altri appartenenti allo stesso nucleo ne vengano colpiti. Un figlio sarà più portato a dedicarsi al gioco se il padre gioca (il genitore costituisce sempre per il figlio il modello da seguire). Si tenga presente che oggigiorno le reti familiari sono molto più fragili rispetto ad una volta, dove la famiglia costituiva un vero e proprio sostegno per ciascun individuo.

Infine, continua il dott. Canil, anche la crisi economica sembra influenzare questa patologia: l'insicurezza o la perdita del proprio posto di lavoro destabilizza l'equilibrio familiare e genera preoccupazioni verso i figli conducendo la persona a tentare di vincere del denaro attraverso slot-machine, scommesse, gratta e vinci, etc. Si crea pertanto l'illusione di avere una possibilità per uscire dalla crisi vincendo del denaro immediato. Queste forme di gioco d'azzardo creano una vera e propria dipendenza.

L'inevitabile indebitamento creato dal gioco d'azzardo patologico genera conseguenze negative sulla vita della persona che ad esempio diventa sempre meno produttiva sul lavoro, mente a familiari ed amici, peggiora il proprio stato di salute.

Gioco d'azzardo patologico - Cura

Riconoscere un familiare affetto da questo grave disturbo è sicuramente il primo passo verso la cura della patologia. Successivamente, deve essere individuato un professionista neuropsicologo e psicoterapeuta al quale rivolgersi per cominciare un percorso di psicoterapia individuale o familiare.

Come spiega il dott. Michele Canil, Neuropsicologo e Psicoterapeuta Treviso, la forma più efficace per la cura di questa patologia è la terapia cognitivo-comportamentale che interviene sulle cause che hanno condotto al disturbo. Agisce cioè sulla motivazione che ha portato il paziente a giocare d'azzardo, risolvendone le false aspettative e riportandolo alla realtà.  In alcuni casi viene abbinato un trattamento farmacologico volto solamente a sedare l'ansia generata da questa patologia.


Ambiti d'intervento



Dr. Michele Canil
Psicoterapeuta Psicologo Treviso - Conegliano - Vittorio Veneto

Sedi:

Via Giosuè Carducci 1, 31029 Vittorio Veneto (TV)

Viale della Repubblica, 243 Treviso (strada Ovest)

declino responsabilità | privacy | cookie policy
canil.michele@libero.it

P.I. 04290230269 | Iscritto all'Ordine degli Psicologi della Regione Veneto n. 6145

 

AVVISO: Le informazioni contenute in questo sito non vanno utilizzate come strumento di autodiagnosi o di automedicazione. I consigli forniti via web o email vanno intesi come meri suggerimenti di comportamento. La visita psicologica tradizionale rappresenta il solo strumento diagnostico per un efficace trattamento terapeutico.

©2016 Tutti i testi presenti su questo sito sono di proprietà del Dr. Michele Canil

© 2016. «powered by Psicologi Italia». E' severamente vietata la riproduzione, anche parziale, delle pagine e dei contenuti di questo sito.